Il sogno di metalloGrazie LesROCKETS per aver soddisfatto la mia insaziabile curiosità e per il piacere di aver ricevuto – per mezzo vostro – il libro di Alain Groetzinger, Il sogno di metallo (Chinaski edizioni), in copia autografata dell’autore. Avete contribuito a restituirmi un pezzetto di adolescenza, quando ancora quattordicenne e irriducibilmente nerd mi affacciavo al mondo della musica proprio grazie ai nostri cari beniamini argentati. Non ho avuto la possibilità di venire alla presentazione ufficiale del libro a Torino, per impegni di lavoro e ovvi motivi di distanza geografica, ma grazie per questo cadeau. Grazie anche per l’inesausto e sempre puntuale lavoro di recupero filologico del materiale e delle notizie sulla band d’oltralpe.

copia autografa“Eppure, in fondo è una storia banale: quella di un musicista che suona in un gruppo, tutto qui. Sì, ma è anche una storia d’amore; e come tutte le storie d’amore che si chiudono non ti abbandona mai in modo definitivo. ‘La storia dei Rockets’ m’insegue e lo farà indubbiamente ancora per un bel po’ di tempo…” (Alain Groetzinger, dalla quarta di copertina de Il sogno di metallo)

Parlo dei Rockets qui:
http://www.albertocarollo.it/blog/2011/02/06/chiedi-chi-erano-i-rockets-prima-parte/
e qui: http://www.albertocarollo.it/blog/2011/02/07/chiedi-chi-erano-i-rockets-seconda-parte/

Share Button