Capodanno ad Arabba in camper

ArabbaArabba è una delle località sciistiche più rinomate delle Dolomiti e fa parte del prestigioso comprensorio Dolomiti Superski. Trascorrervi il Capodanno, per noi camperisti amanti dello sci, vuol dire scegliere una meta di sicuro interesse: per la bellezza del paesaggio alpino, aspro e incantevole, ma pure per l’aspetto logistico, con un occhio al portafogli (in tempi di spending review) che la rende ulteriormente appetibile.

Da Vicenza per raggiungere la frazione di Livinallongo del Col di Lana (Belluno), sotto il passo del Pordoi, ci si impiegano in camper poco più di 3 ore, per un totale di 168 Km complessivi. Vi consiglio, una volta passata Alleghe e l’abitato di Caprile, di rimanere sulla strada regionale 203, svoltando a destra all’altezza dell’Hotel La Montanina. Facendo così allungherete un po’ il percorso ma questo vi permetterà di guidare in una strada di montagna dalla carreggiata più ampia e agevole per il vostro veicolo ricreazionale. Continua a leggere

Share Button

Assisi in camper per i mercatini di Natale

Assisi 1Eccovi una proposta poco dispendiosa per un week-end ad Assisi in camper, in occasione dei mercatini di Natale. Noi abbiamo optato per il ponte dell’Immacolata, consapevoli che la Modena-Brennero sarebbe stata intasata, per via dei classici mercatini di Natale, e non era una buona idea puntare a nord. Una valutazione delle previsioni ci ha invece suggerito che portarci in Umbria significava avere condizioni metereologiche più stabili, e così è stato.

Venerdì 5 dicembre

Allestito Diogene nel primo pomeriggio siamo stati pronti a partire da Vicenza in tarda serata, dopo le 18:30, ora in cui Matteo terminava la sua lezione di violino. Da Vicenza ad Assisi sono poco più di 400 Km. Abbiamo imboccato il casello di Vicenza Est; all’altezza di Padova siamo confluiti nella A13 Padova-Bologna. Ce la siamo presi con calma; se guardate su Google Maps, vi fornisce una percorrenza di 3h.58’, ma col camper è più verosimile che ci arriviate in 4h.30’. Noi abbiamo deciso di pernottare fuori, in un’area di sosta. Siamo usciti dall’autostrada all’altezza di Cesena Nord e abbiamo imboccato la statale E45. Ci siamo fermati a un’ora da Assisi, nei pressi di Sansepolcro. Dopo aver parcheggiato il McLouis mi sono accorto ch’eravamo di fianco a un tir con cella frigorifera, provvisto di un generatore non propriamente silenzioso… perciò ci siamo spostati in altra area segnata. Continua a leggere

Share Button

Alta Badia – La Villa (BZ)

Piz La Villa (m 2077)

Piz La Villa (m 2077)

Un ponte pasquale funestato da acquazzoni e da temperature in discesa, per gran parte d’Italia.

La Pasqua bassa del 2013 non è stata accomodante e in tanti hanno rinunciato alla consueta gitarella fuori porta. L’ideale era battere una città d’arte, ma con i bimbi non è sempre agevole, specie sotto la pioggia. Noi ci siamo detti: visto che la Primavera si fa attendere, perché non andare a goderci l’ultimo colpo di coda del generale Inverno? Detto, fatto.

Allestito Diogene, attrezzati di tutto punto, ci siamo messi in strada ieri a mezzodì. Direzione Alto Adige. Sotto una pioggia battente e un’umidità da farti crescere i funghi in testa, abbiamo oltrepassato Bassano del Grappa, infilato la SS47 e la SS50 in direzione Belluno/Feltre/Fiera di Primiero e ci siamo portati fino a Agordo. Da lì abbiamo mosso in direzione Alleghe. L’idea era quella di fare il passo di Campolongo (m 1875) ma ho perso un’indicazione e, complice pure il navigatore che perdeva il segnale per le nuvole basse, abbiamo valicato passo Falzarego (m 2105) e passo Valparola (m 2192), per poi scendere fino in Val Badia. Meta: La Villa (BZ). 200 Km in totale da Vicenza. Siamo arrivati nella cittadina sotto un’imponente nevicata e ci è sembrato un benvenuto più che rincuorante. Continua a leggere

Share Button

Capodanno a Maso Corto

kurzras - ghiacciaioChi sceglie Maso Corto per trascorrervi il Capodanno non cerca la mondanità o, se la cerca, ha toppato clamorosamente. Chi viene a ghiacciarsi le terga da queste parti desidera un po’ di pace fuori dal turismo di massa, ama l’estetica aspra e spigolosa della montagna e il senso di libertà che danno un paio di sci ai piedi. E cosa fare, il Capodanno a Maso Corto, se non salire un’altra volta sul ghiacciaio e scapicollarsi lungo i ripidi percorsi innevati? Il mattino del primo giorno dell’anno, poi, ha un sapore del tutto speciale. Continua a leggere

Share Button

Caravan Park Val Senales

maso corto

Maso Corto (Kurzras, BZ) – foto di Alberto C

Pur essendo ancora legato allo sci da fondo e alle sue gratificanti fatiche, dalla scorsa stagione invernale ho preso qualche ora di lezione e mi sono messo gli sci da discesa ai piedi. L’ho fatto con l’intento di condividere le uscite sulla neve con la family. Matteo e Giacomo hanno imparato rapidamente, con la naturalezza tipica dei bimbetti, a stare sugli sci e mia moglie Sabrina è passata alla discesa ormai da due anni. Quest’anno la meta scelta per il passaggio al 2013 e per il piacere di stare sulle piste innevate è caduta sulla Val Senales, in Alto Adige, a pochi chilometri dal confine con l’Austria, e più precisamente a Maso Corto (Kurzras). Continua a leggere

Share Button