Incontro con Alberto Rizzi

Comunicato stampa

i pesci nel barile_coverA coronamento del Laboratorio di lettura e scrittura creativa Il personaggio, motore del racconto, condotto da Alberto Carollo (http://www.albertocarollo.it/blog/) presso la libreria ‘Mondadori Quarto Potere’ (www.libreriaquartopotere.it), Edizioni Saecula (www.edizionisaecula.it) e CasaLorca (www.facebook.com/associazioneculturalecasalorca), Vi invitano alla presentazione del testo ‘I pesci nel barile‘ (ed. Saecula, 2012) di Alberto Rizzi.

L’incontro – ad ingresso libero – avverrà presso la libreria Mondadori ‘Quarto potere’ (tel.: 0444 022746), Ponte Pusterla, 14, Vicenza, mercoledì 15 maggio, alle ore: 20,30.

Alla presentazione si accompagneranno considerazioni dedicate alla creazione ed alla dinamica dei personaggi nell’arco di una ‘storia’ ed esemplificazioni di nascita del prodotto ‘libro’, nelle sue varie fasi (scrittura, valutazione del manoscritto, editing ed altro). Continua a leggere

Share Button

I pesci nel barile

Comunicato stampa

Giovedì 25 Ottobre 2012, ore 21:00
presso Associazione culturale ‘CasaLorca’, piazzale Giusti 23, Vicenza

pesci nel barileALBERTO RIZZI presenta il libro I pesci nel barile, ed. Saecula, 2012 – cfr. http://www.saecula.it/
dialoga con l’autore: Alberto della Rovere
lettura di brani dal testo e musiche a cura di: Mariangela Milani & Thierry Di Vietri

 

‘I PESCI NEL BARILE’ di Alberto Rizzi

Anni di piombo. Dopo la morte di Aldo Moro e il processo del 7 aprile 1979, un manipolo di giovani dell’Autonomia Operaia di stanza a Thiene (Vicenza), l’Ottobre Rosso, si barcamena tra assemblee, volantini, vetrine prese a sassate. Quando il loro leader perde la vita in un banale incidente, le dinamiche e i ruoli all’interno del gruppo mutano.
L’Ottobre Rosso cerca la rivoluzione, ma alla grande. Pedine inconsapevoli di un politico che “sorride di un sorriso sporco e basso”, si illudono di poter cambiare la Storia. Ma le cose non vanno per il verso giusto.
Una vicenda che sarebbe potuta accadere davvero.
Nel disincanto che il tempo riesce a consegnare, Alberto Rizzi racconta di quegli anni dove lotta e passione erano indistinguibili. Al giorno d’oggi lo sguardo a ritroso diventa freddo e razionale, ma non privo di emozioni per un vissuto, a volte collettivo, che è incancellabile. Continua a leggere

Share Button